Meglio una valigia in polipropilene o in nylon?

Acquistare una valigia significa prendere in considerazione una serie di importanti fattori. Tra questi c’è sicuramente il tipo di materiale utilizzato per la realizzazione del bagaglio. Ultimamente in vendita si trovano prodotti che, pur essendo resistenti, sono leggeri e maneggevoli. Scegliere un materiale di qualità consente a chi viaggia di avere una valigia che duri nel tempo. Oltre, dunque alle dimensioni, al peso, all’estetica, dobbiamo chiederci: “Com’è fatta la nostra valigia?“. Tutte le informazioni, i dettagli e gli approfondimenti sono presenti in questa pagina.

Il confronto

Le valigie rigide sono spesso realizzate in policarbonato. Questi bagagli sono contraddistinti da un’elevata resistenza agli urti e ai danneggiamenti. Questo materiale è dotato di un’elevata trasparenza; è facilmente lavorabile, nonché riciclabile. Risulta però suscettibile alla degradazione. Il costo di produzione è alquanto alto.

Le valigie in polipropilene assicurano un ottimo livello di resistenza. Sono bagagli molto rigidi e ottimi per lunghi spostamenti quando la valigia viene dirottata da una parte all’altra. Il polipropilene è un materiale resistente al calore, agli acidi e ai solventi. A differenza del policarbonato, come svantaggio, possiamo annoverare il fatto che non sia ecologico e che sia addirittura un derivato del petrolio.

Le valigie in Abs sono rigide e flessibili. Questo materiale risulta resistente alle scalfiture e facilmente riciclabile. Inoltre i bagagli sono molto leggeri per essere trasportati da un luogo all’altro. La superficie di gran parte di queste valigie va lavata con un panno inumidito. Può essere usato anche dell’alcool per lucidarle ed igienizzarle.

Le valigie in nylon rientrano nella categoria dei bagagli semirigidi. Il materiale è sicuramente più morbido; i bagagli sono impermeabili ma possono spesso essere vittime di umidità. La maggior parte di questi articoli è caratterizzata, infatti, da cerniere lampo. Negli ultimi anni stanno avendo successo le valigie realizzate con nylon di tipo balistico: questi prodotti sono molto più resistenti all’usura se paragonati ad altri tipi di tessuti. Lo svantaggio? Questi tipi di bagagli sono davvero pesanti.

In conclusione potremmo dire che le valigie semirigide e morbide sono ideali soprattutto quando si viaggia in macchina e in treno. Qui lo spazio è limitato e bisogna cercare di recuperarne quanto è più possibile. Quando invece  usiamo una valigia morbida per viaggiare in aereo conviene a questo punto avvolgerla nel cellophane: tale operazione va fatta direttamente in aeroporto per rendere più resistenti i nostri bagagli ed evitare che possano aprirsi nel corso del viaggio o anche degli spostamenti.