Come funziona un termoconvettore

Se ancora non si hanno le idee chiare su cosa sia un termoconvettore basta scomporre la parola per capirne il significato. Come veicolo termico, il termoconvettore è uno degli apparecchi più presenti nelle case a integrazione del sistema di riscaldamento principale, con il vantaggio di essere trasportabile da una stanza all’altra di casa, a seconda del bisogno. Qual è il funzionamento di un termoconvettore? In pratica ‘inspira’ aria fredda per poi ‘espirarla’ calda, grazie all’azione di resistenze elettriche incorporate nell’apparecchio che la riscaldano. I modelli più evoluti, meglio illustrati in questo portale tematico sui termoconvettori, montano anche una ventola in grado di distribuire il calore nell’ambiente in modo più rapido. Rispetto ad altri tipi di apparecchi concepiti per il riscaldamento domestico, i termoconvettori mostrano una serie di vantaggi che pesano sulle scelte di mercato che premiano questi dispositivi, fra i più venduti.

Intanto i termoconvettori riscaldano l’aria in quattro e quattr’otto senza dover aspettare, donando all’ambiente un’immediata sensazione di tepore istantaneo. Inoltre questi apparecchi non richiedono il montaggio di antiestetici tubi di scarico a vista in casa. Alcuni modelli possono essere montati anche a muro e richiedono una bassa manutenzione, potendo stare in ogni area della casa, anche in grandi spazi. Altro vantaggio dei migliori termoconvettori è di montare sensori di sicurezza in grado di far scattare l’autoblocco in caso di manovre inavvertite da parte di bambini o animali domestici o in presenza di guasti improvvisi. Nei termoconvettori elettrici capita anche di trovare dei sistemi anti-spreco, che contribuiscono alla riduzione dei consumi.

Adatti soprattutto nelle seconde case, questi apparecchi possono essere programmati anche a distanza per lassi di tempo settimanali per impedire d’inverno che la temperatura scenda sotto la soglia di 5 gradi con il rischio di gelate anche agli impianti. Infatti la funzione antigelo preserva la casa, baita o cottage che sia, dal rischio di congelamento delle tubature quando le temperature scendono sotto zero.  Numerosi termoconvettori di ultima generazione sono equipaggiati di ventole la cui azione distribuisce più rapidamente il calore nell’ambiente, questi apparecchi sono consigliabili anche perché oltre a razionalizzare la circolazione e la depurazione dell’aria in circolo possono essere convertiti in ventilatori d’estate, grazie proprio alla presenza della ventola.